La ricerca sviluppata da APPA Trento, Arpa Valle d’Aosta e Enea ha lo scopo di sviluppare una metodologia per la valutazione dell’habitat fluviale. A tal fine si è considerato l’insieme delle caratteristiche idromorfologiche, idrologiche e biotiche di un tratto fluviale che descrivono gli habitat delle comunità acquatiche. L’approccio utilizzato si basa sul confronto tra le caratteristiche degli habitat osservate e quelle potenzialmente presenti in condizioni di naturalità.

Il metodo proposto prevede l’utilizzo di informazioni derivate dall’applicazione dell’Indice di Funzionalità Fluviale e dal censimento delle opere di origine antropica presenti in alveo.

Le caratteristiche considerate sono raggruppate in 3 categorie, ciascuna delle quali espressa mediante un subindice. Per la definizione dei limiti di classe e la validazione dell’indice è stato utilizzato un database relativo a siti distribuiti nel territorio montano di 7 diverse regioni italiane.

Si ritiene quindi che la metodica IQH_IFF, sulla base della sua applicazione su una casistica relativamente ampia in ambito montano, possa essere considerata sufficientemente robusta e sensibile.

È possibile scaricare il Rapporto tecnico e il Modello di calcolo.


Sono disponibili inoltre i due interventi presentati nell’ambito del Seminario: L’INDICE DI FUNZIONALITA’ FLUVIALE: APPLICAZIONI INNOVATIVE PER LA GESTIONE DEI CORSI D’ACQUA tenutosi a Trento il 12 settembre 2014:

- IQH_IFF: una metodologia per la valutazione delle condizioni di habitat basata sull’indice di funzionalità fluviale Gian Luigi Rossi, Enea Centro ricerche Saluggia

- Applicazione sperimentale del metodo IQH_IFF in Valle d’Aosta Valeria Roatta, ARPA Valle d’Aosta

Si rimanda al sito di APPA Trento per i contenuti completi del Seminario.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva