L'obiettivo di questo studio è quello di analizzare la comunità macrobentonica, confrontando le comunità campionate nel tratto a monte ad una derivazione con quelle presenti nel tratto sotteso, per valutare gli effetti dovuta alla presenza delle derivazioni idroelettriche e al rilascio Deflusso Minimo Vitale (DMV).
 

I dati sono stati raccolti grazie ad un tirocinio formativo universitario presso il Dipartimento di Difese del Suolo e Risorse Idriche della Regione Valle d'Aosta. Questi consistono in dati di biodiversità provenienti dai campionamenti IBE ed alcuni parametri chimici/fisici, entrambi ottenuti dalla campagne di caratterizzazione ambientale dei torrenti soggetti a derivazione dal gruppo C.V.A. L'area di studio comprende cinque torrenti: Chalamy, Dora di Rhemes, Evançon, Lys e Saint-Barthélemy.

L'analisi dei dati ha visto l'applicazione di indicatori relativi al macrobenthos per confrontare le comunità campionate nel tratto a monte ad una derivazione con quelle nel tratto sotteso. Le analisi statistiche univariate sono servite per confermare la significatività dei risultati ottenuti con gli indicatori del macrobenthos mentre le analisi statistiche multivariate sono state applicate per valutare la somiglianza delle comunità campionate. La regressione lineare multipla è servita per verificare l'esistenza di una relazione lineare tra la ricchezza tassonomica del macrobenthos ed alcuni parametri chimici/fisici.

I risultati mostrano una perdita di biodiversità nel tratto sotteso alle derivazioni, rispetto ai tratti a monte. Il rilascio di differenti valori di DMV sembra sortire qualche effetto positivo sulle comunità macrobentoniche nel tratto sotteso alle derivazioni, che in termini di composizione tendono ad assomigliare alle comunità campionate a monte. Ulteriori studi sono necessari per confermare questo risultato. Infine, non c'è una relazione lineare tra la ricchezza tassonomica del macrobenthos e i parametri chimici/fisici selezionati.

La versione completa della tesi di laurea è scaricabile in formato PDF cliccando qui.