Protocollo base per misure di campo elettrico

Il campo elettrico viene misurato solo in esterno perché esso viene facilmente schermato anche dalla presenza di semplici ostacoli, quindi risulta di valore inferiore alla sensibilità degli strumenti all’interno degli edifici.
Le misure possono essere effettuate con un sistema di misura monoassiale oppure con sistema triassiale.

Camping Grivola
Nel primo caso la catena di misura è composta dal misuratore accoppiato ad un condensatore e il sistema è inserito su di un fioretto telescopico di materiale isolante che permette all’operatore di sorreggere la strumentazione all’altezza prestabilita senza influenzare la misura stessa. Il campo elettrico rilevato rappresenta il contributo della componente ortogonale al misuratore che, quando ci si trova sotto ad una linea elettrica, rappresenta la componente predominante del valore totale di campo elettrico presente nel punto di misura. La distanza dal punto di misura a cui è posto l’operatore quando sorregge il fioretto telescopico è di 1.5 m, tale distanza è il limite inferiore in cui lo si può ritenere non influente.
P1000859

 

Nel caso di sitema triassiale il misuratore è già composto in modo da rilevare contemporaneamente il contributo nelle tre direzioni dello spazio, esso viene posto su un cavaletto dielettrico ed è collegato con fibra ottica al computer per la visualizzazione dei dati rilevati.

 

Le misure vengono effettuate in diversi punti nell’area da monitorare seguendo una griglia spaziale definita in base alla forma dell’area e a chiari punti di riferimento in modo da poter ripetere le misure negli stessi punti in qualunque altro momento fosse necessario.

Protocollo base per misure di campo magnetico

I rilievi di campo magnetico si effettuano sia in esterno che all’interno degli edifici in quanto tale grandezza fisica non viene schermata dai normali materiali per costruzioni.

Rotazione difoto strumeti-operatori 002
In esterno, essendo le aree accessibili di dimensioni generalmente ampie e di forma irregolare, i punti di misura sono scelti volta per volta, anche in riferimento all’intensità rilevate, oppure si utilizza un sistema in cui si associa il misuratore di campo ad una ruota tarata in modo da acquisire i valori di campo magnetico in funzione del percorso seguito.
Signayes 30-05-07 023

 

All’interno, invece, viene effettuata una misura puntuale nel centro stanza e una misura nei quattro angoli in ogni locale in cui vi sia accesso e permanenza di persone superiore alle 4 ore, se le dimensioni del locale sono limitate. In locali di dimensioni molto elevate o di forma non regolare le misure si eseguono nei punti ritenuti significativi per la descrizione spaziale dell’andamento del campo magnetico nel locale stesso.

 

misure in altezza 5
In entrambi i casi, misure in esterno ed in interno, i rilievi vengono eseguiti ad un’altezza dal piano di calpestio compresa tra 1 e 1.5 m, inoltre in tutti quei locali o quelle aree in cui, per la particolare destinazione d’uso, vi fossero zone in cui vi è presenza prolungata di persone ad altezze inferiori o superiori all’intervallo 1-1.5 m, le misure si effettuano alle quote opportune.
135 3590

 

 

Nelle misure interne agli edifici oltre alle misure istantanee, nel punto in cui tali misure rilevano il valore più alto, viene anche predisposto uno strumento che misuri il campo magnetico in continuo, con un intervallo non inferiore a 1 minuto tra un rilievo e quello successivo. Il tempo per cui si lascia tale strumento a rilevare deve essere non inferiore a 24 ore consecutive.

 

Le misure vengono effettuate in accordo con quanto riportato su:

Norma CEI 211-6: “Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettrici e magnetici nell’intervallo di frequenza 0 Hz – 10 kHz, con riferimento all’esposizione umana” e successive appendici.

Norma tecnica CEI EN 62110: "Livelli di campo elettrico e magnetico generati da sistemi di potenza in c. a. - Procedure di misura con riferimento all'esposizione umana."