Il monitoraggio della fenologia può essere fatto utilizzando immagini digitali. A partire dai colori contenuti nelle immagini è possibile calcolare un indice che rappresenta la quantità di verde e che quindi dipende dallo sviluppo della vegetazione: come mostrato nella figura di esempio sottostante, la quantità di verde è bassa in inverno in presenza di neve o rami spogli, inizia a salire quando la vegetazione si sviluppa in primavera, ha valori elevati durante l'estate e scende in autunno mentre le foglie ingialliscono per tornare ai bassi valori invernali.

web 0 s

Utilizziamo questo metodo di monitoraggio nel lariceto e nel pascolo alpino di Torgnon. Entrambi i siti appartengono al network internazionale Phenocam. Le camere digitali acquisiscono, ogni ora e per tutto l'anno, immagini della vegetazione come quelle nella figura sottostante, in cui si può vedere il susseguirsi delle diverse stagioni

web ld 1

ld gcc iav

Il grafico mostra il confronto, tra diversi anni, dello sviluppo della quantità di verde (GCC - green chromatic coordinate) nel lariceto. Dalla posizione reciproca delle diverse curve è possibile individuare anni precoci in cui il GCC inizia ad aumentare prima, rispetto ad anni tardivi.

La figura sottostante mostra un esempio delle immagini acquisite al pascolo di Torgnon

web nd 1

nd gcc iav

Il grafico mostra il confronto, tra diversi anni, dello sviluppo della quantità di verde (GCC) nel pascolo. Le curve iniziano a salire appena dopo la fusione della neve e dalla posizione reciproca delle diverse curve è possibile individuare sviluppi precoci e sviluppi tardivi. Confrontando questo grafico con quello relativo al larice si può notare come il pascolo inizi ad ingiallire molto prima: il GCC nel pascolo infatti inizia la sua discesa ad inizio agosto, mentre al larice mantiene valori elevati fino ad ottobre inoltrato.

Durante i progetti phenoAlp ed e-phenoi e nell'ambito di altre collaborazioni con il Parco Nazionale Gran Paradiso, il Parco Naturale Mont Avic, l'Institut Agricole Regional, il Parc National des Ecrins, il Centre de Recherche sur les Ecosystemes d'Altitude e la Fondazione CIMA, abbiamo installato altre webcam per il monitoraggio della fenologia in diversi ecosistemi. L'immagine sotto mostra i diversi siti.

mapandpics

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive