INDICE DI QUALITA' DELL'ARIA
I valori elevati di PM10 sono dovuti all'arrivo di polveri sahariane sull'arco alpino dalla serata del 22 e per tutto il 23. Non tutti i modelli concordano sull'intensità del fenomeno. Le previsioni aggiornate sono disponibili dalle ore 11
Le misure di ieri
 
Le previsioni per il
 
e per il
 
Ottima Buona Accettabile Scadente Pessima
 
Indice di Qualità dell'Aria Le misure Le previsioni Bollettini mensili Relazioni annuali Le campagne Le emissioni in atmosfera

Polveri senza frontiere

foto cielo

23/01/2020 - Chi di noi questa mattina ha rivolto il suo sguardo verso l’alto, avrà sicuramente notato un cielo dall’aspetto “polveroso”, ben differente dal colore blu intenso che di solito siamo abituati a vedere. Colpa dell’inquinamento della nostra città? No: in questo caso, i ”colpevoli” sono i venti che giocano con le masse d’aria atmosferiche e che, durante le ore notturne, ci hanno portato un “souvenir” dall’Africa. Nelle giornate di ieri e oggi, infatti, un campo di bassa pressione presente sulla Spagna ha trasportato con sé una gran quantità di pulviscolo sahariano, prontamente registrato dagli strumenti di misura dell’ARPA.

Read more

Allarme polveri fini anche in Valle?

aosta

08/01/2020 - In Pianura Padana, in questi giorni, tutte le grandi città hanno messo in atto il protocollo antismog per il permanere dei valori superiori alla media consentita di PM10. Sia a Torino che a Milano sono state, infatti, misurate alte concentrazioni di polveri, con numerosi superamenti dei limiti previsti dalla normativa vigente (50µg/m3 come soglia massima giornaliera superabile per non più di 35 gg/anno).
 
Read more

ARPA e le polveri fini: un tema in continuo approfondimento

immagine gaia

19/12/2019 - A dicembre di quest’anno è terminata l’unità di ricerca GAIA (GeocAratterizzazione Integrata di Aerosol). Obiettivo dell’iniziativa, che ha coinvolto, oltre ad ARPA, il Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Fisica delle Atmosfere e delle Idrosfere (CINFAI), l’ Envisens Technologies Srl (EST) e l’ Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta (OAVdA), è stato quello di sviluppare le nuove conoscenze necessarie per realizzare un dimostratore per la determinazione delle proprietà delle polveri fini, o, per dirla in un linguaggio più scientifico, dell’aerosol.

Read more