Italian - ItalyFrench (Fr)English (United Kingdom)

Indicatore della settimana: Numero di stabilimenti e di impianti soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), distribuzione territoriale e autorizzazioni emanate

logo vi rsa hpL’indicatore definisce il numero di stabilimenti e di impianti, presenti in Valle d’Aosta, rientranti nel campo di applicazione della cosiddetta “Direttiva IPPC”, la loro distribuzione territoriale e le Autorizzazioni Integrate Ambientali (AIA) rilasciate dall’Autorità Competente.

Vai all'indicatore

WineCam

1404 1sAd aprile 2014 è iniziato il monitoraggio della vegetazione in un vigneto a Pinot Gris dell'Institut Agricole Regional. L'obiettivo dell'attività è lo sviluppo di un metodo per stimare parametri strutturali e biochimici della vite a partire da indici di vegetazione.

Read more...

SWE: test tubi per pesare la neve

1403 1sAncora una giornata di test per i nuovi tubi pesaneve studiati da ENEL con il nostro supporto insieme ai tecnici di ARPA Lombardia (Centro Nivometeorologico) e Società Meteorologica Italiana. Le prove, finalizzate a verificare le performance di quattro diversi modelli di tubi pesaneve, sono state condotte presso la stazione nivo-meteorologica di ARPA Lombardia di Passo Campolungo (2.160 m di quota).

XII Conferenza del Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente

2014conf agenzie hp

Il 10-11 aprile si è svolto a Roma la XII Conferenza del Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente.

Il programma della conferenza.

Read more...

Sistemi di misura della qualità dell’aria: confronto in corso tra le Agenzie ambientali italiane

sistemi misura interconfronto hpIl 26 febbraio è iniziato a Terni il circuito d’interconfronto per la misura di PM10, PM2.5 e metalli nel PM10 nell’aria ambiente a cui partecipano tutte le Agenzie regionali e provinciali per la protezione dell’ambiente che gestiscono in Italia le reti di monitoraggio della qualità dell’aria.

Read more...

Risultati dei bilanci di massa glaciale

ghiacciaio timorionSono disponibili online le relazioni di dettaglio sulle misure condotte nel 2013 sui ghiacciai valdostani. Complessivamente i bilanci sono risultati poco negativi o, in alcuni casi, leggermente positivi, primo dato in controtendenza da più di 10 anni di misure. Tuttavia i mesi di luglio e agosto, con temperature ben al di sopra di quella media del periodo, hanno causato la fusione pressoché totale dei notevoli accumuli invernali e primaverili. I dettagli sono disponibili nell'apposita sezione implementata nell'ambito della Cabina di regia dei ghiacciai valdostani.

Banner
Banner