agenti fisiciLa parola "inquinamento" evoca di primo acchito una contaminazione chimica delle matrici ambientali, aria, acqua o suolo. Ad una riflessione più attenta si arriva a pensare all’azione di agenti microbiologici o biologici: si ha l’idea di acque non batteriologicamente pure o infestate da alghe e piante. In entrambi i casi si tratta di manifestazioni di inquinamento dovuto alla all’immissione di materia, inerte o vivente, in un ambiente in cui quel tipo di materia non deve esserci per nulla o in quantitativi molto ridotti. Non è immediato, invece, pensare ad un agente inquinante non associato a qualcosa di ponderabile e che non interagisce per via chimica o biologica. Ebbene, inquinanti di questo tipo esistono e sono capillarmente diffusi nell’ambiente naturale e, soprattutto, nel territorio occupato e trasformato dall’uomo: sono i cosiddetti agenti fisici. Si tratta di agenti inquinanti la cui azione non si esplica attraverso reazioni chimiche o biologiche, ma attraverso interazioni energetiche: campi elettromagnetici, radiazioni nucleari, rumore, radiazione solare sono tutti agenti che l’ARPA studia, monitora o controlla nella sua attività quotidiana valutandone l’intensità e gli effetti sul territorio.
In particolare, l’Agenzia si occupa di:

  • Radiazioni ionizzanti: radioattività in ambiente, di origine artificiale e naturale: sorgenti radioattive, contaminazione radioattiva dell'ambiente di origine artificiale, radioattività naturale, con particolare riferimento al radon.
  • Radiazioni non ionizzanti: sorgenti di campi elettromagnetici a radiofrequenza in ambiente di vita (antenne radio-televisive e stazioni radio-base per telefonia cellulare) o campi elettrici e magnetici a frequenza di rete (50 Hz) generati da elettrodotti e apparecchi alimentati ad energia elettrica.
  • Rumore ambientale: livelli sonori presenti negli ambienti di vita e in ambiente esterno, in relazione alle sorgenti che li generano.
  • Radiazione solare: studio e monitoraggio della radiazione solare, componente ultravioletta e visibile, e interazione con l’atmosfera.
  • Effetti sul territorio del cambiamenti climatici: effetti sul territorio di montagna (criosfera e biosfera) delle dinamiche climatiche  e  delle rapide variazioni che si stanno osservando negli ultimi decenni in relazione a diversi equilibri energetici che si creano in atmosfera.