Le piante assorbono e riflettono la radiazione solare in modo diverso nelle differenti lunghezze d'onda (wikipedia): in particolare le foglie riflettono poco la luce rossa visibile e riflettono molto di più l'infrarosso vicino (invisibile all'occhio umano). L'NDVI (wikipedia) è un indice legato allo stato di sviluppo e alla salute della vegetazione, che viene calcolato a partire dalla riflessione del rosso e dell'infrarosso. Il modo in cui tali lunghezze d'onda vengono riflesse, e quindi di conseguenza l'NDVI, variano durante il ciclo di sviluppo delle piante. L'immagine sottostante mostra i valori di NDVI di un bosco di larice ad inizio stagione, durante l'estate e in autunno. L'NDVI, se misurato durante il corso dell'anno, può quindi essere utilizzato per monitorare il ciclo fenologico della vegetazione.

ndvi intro it

Normalmente l'NDVI viene calcolato a partire da immagini satellitari ma più recentemente si stanno sviluppando strumenti e metodi per misurare l'NDVI direttamente in campo. Gli strumenti utilizzati, l'immagine sotto mostra quelli installati nel lariceto e nel pascolo alpino di Torgnon, misurano la radiazione solare e la radiazione riflessa dalla vegetazione nel rosso e nel infrarosso e consentono quindi di calcolare l'NDVI.

ndvi sensors

nd ndvi IAV sito

I sensori acquisiscono i dati ogni ora per tutto l'anno e consentono quindi di misurare l'evoluzione stagionale del NDVI. Il grafico sopra mostra il confronto, tra diversi anni, del NDVI nel pascolo. Valori di NDVI minori di 0.2 indicano la presenza di neve al suolo. Dalla posizione reciproca delle diverse curve è possibile individuare anni come il 2011, in cui a seguito di una fusione della neve precoce, la vegetazione ha iniziato a svilupparsi molto presto, oppure anni tardivi come il 2013. Le differenze nei valori massimi estivi tra i vari anni, sono invece causate da differenze nelle proprietà strutturali della vegetazione come la biomassa o il LAI (indice di area fogliare). Il grafico viene aggiornato settimanalmente.

ld ndvi IAV sito

Il grafico mostra il confronto, tra diversi anni, dello sviluppo sviluppo stagionale del NDVI nel lariceto. Come nel pascolo, valori di NDVI minori di 0.2 indicano la presenza di neve al suolo. Confrontando questo grafico con quello del pascolo si può notare come il larice mantenga valori elevati di NDVI per un periodo molto più lungo durante l'estate fino ad ottobre inoltrato. Le differenze tra pascolo e larice mostrate dall NDVI sono simili a quelle che si ottengono usando i dati delle webcam.

Durante i progetti phenoAlp ed e-pheno, insieme al Parco Nazionale Gran Paradiso e al Parco Naturale Mont Avic e insieme a partners francesi (CREA e Parc National des Ecrins) abbiamo creato una rete di sensori di NDVI nelle Alpi Nord Occidentali. I dati sono disponibili a questo link.