Habitat

Largamente diffuso in Europa, sin dalla più lontana antichità, si tratta di una specie resistente alle intemperie. Il cipresso è originario della regione mediterranea orientale, da dove è stato diffuso, con la coltivazione, in tutta l’Europa meridionale. Vegeta in zone a clima caldo, con estati secche e soffre dei geli prolungati. Si adatta a terreni diversi e si spinge fino ai 700 m d’altitudine, prestandosi a rimboschimenti di terreni aridi.

Foglie

Persistenti, squamiformi o aghiformi in Juniperus.

Fiori

Si tratta di specie perlopiù monoiche, ad eccezione di Juniperus. I coni maschili sono giallastri (Foto 1), piccoli, su porzioni terminali dei rami. I coni femminili, grigio-verdi, sono formati da pochi macrosporofilli portanti ciascuno 2-9 ovuli. Dopo la fecondazione le squame ovulifere tendono a saldarsi assumendo consistenza legnosa o carnosa e forme differenti a seconda della specie.

Fioritura

Fine gennaio-marzo.

Portamento

Le Cupressacee comprendono piante sia a portamento arboreo che arbustivo, con chioma riccamente ramificata (Foto 2).


Galleria fotografica

foto1 polline cipresso
Foto 1 - Polline di cipresso visto al microscopio ottico. Le dimensioni dei pollini variano da 10 a 100 µm (il µm è la millesima parte del mm) 
foto2 fiori masch. cipresso
Foto 2 - Fiori di cipresso 
foto3 cipresso
Foto 3 - Albero di Cipresso fotografato in loc. Signayes ad Aosta nel mese di febbraio 

Pollini e spore

pollini banner

Qualità dell'aria

newsqasuhomearpa

Radiazione solare

 mappa180621 SCRITTA

Uso delle biomasse

bannerprepair

Progetti europei

greta A1
logo tourscience logo prepair GIF
Progetto bb clean  Progetto climaera
spare asp programme logo positive cmyk with erdf final PREV RISK

SNPA

logo SNPA COL